Giornalismo & Docenze

Rendicontazione Progettuale

La bugia fa poca strada, il bugiardo non sempre. Emanuela Breda

Nessuno avrebbe potuto immaginare che, in corso d’opera, le nostre lezioni dibattito sulle Fake News avrebbero assunto una dimensione così importante. Giorno dopo giorno, ora dopo ora, le notizie contrastanti sul Coronavirus hanno indotto gli studenti ad utilizzare il web in modo più consapevole.  Il sito del Ministero della Salute è stato preferito all’amico “virologo” su Facebook, alle indiscrezioni su Instagram, gli alunni, hanno invece preferito i comunicati della Presidenza del Consiglio dei Ministri …

Le “Corona Fake” 

Dopo una prima fase di teorie complottistiche di vario tipo (test di guerra batteriologica sfuggiti di mano o industrie farmaceutiche capaci di creare sieri stile horror B movie ambientati in Cina) abbiamo letto di un Italiano bloccato a Wuhan che raccontava dell’esercito autorizzato a sparare a vista..,  Pipistrelli che hanno trasmesso all’uomo il virus tramite un morso,  Topi malati mangiati vivi dai Cinesi attacchi Americani per sterminare il “nemico industriale” Cinese, le fake news si sono spostate sull’unico Paese al mondo in quarantena: l’Italia. 

Corona Fake “nostrane”

Il Biocontenimento previsto per l’Italia 

Una fake circolata in lungo e in largo su WhatsApp è la finta delibera della protezione civile sul “biocontenimento BSL-4”, pronto a scattare dal 15 marzo se la situazione non migliora. «Solo un membro per ogni nucleo famigliare sarà dotato del kit necessario per recarsi ai checkpoint militari approntati per i rifornimenti necessari. Nessun’altra persona potrà lasciare la quarantena domiciliare, malato o sano, grave o no», recita la catena circolata nelle ultime ore.

I Ventenni Intubati

Altra fake circolata di recente è il file audio di presunti sanitari del Niguarda di Milano che parlano di molti «ventenni intubati», notizia smentita dallo stesso ospedale. Poi c’è stata la bufala confezionata in modo da dare l’impressione di arrivare dal ministero dell’Interno: parla di «controlli di polizia per chi esce di casa senza motivo» e «voli di trasporto dalle terapie intensive lombarde a quelle di altre regioni». La smentita è arrivata dello stesso Viminale.

Gli Elicotteri che disinfestano di notte 

La fake che parla di stormi di elicotteri pronti ad alzarsi in volo nella notte per disinfettare tutto. «Mi raccomando non rimanete i panni scarpe e altre cose fuori e soprattutto attenti ai cani!», spiega Facebook ovviamente senza riportare alcuna fonte, nemmeno inventata.

I Pandemic bond 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità che dichiarerà ufficialmente la pandemia con precisione svizzera solo dopo il 15 marzo «perché la Banca Mondiale, d’accordo con l’OMS, lanciò un’obbligazione da 490 milioni di euro legata alle pandemie con scadenza 15 marzo 2020». Al di là del complottismo, chi volesse seriamente approfondire il tema dei pandemic bond può leggere quest’articolo. 

Le Fake News

Sono notizie false o distorte volutamente. Delle bugie costruite ad hoc per distogliere o catalizzare l’attenzione delle Platee su di una persona o un fatto nel tentativo di condizionarne il convincimento. Le fake news sono una porcheria Immonda perché nascono con l’intento di far male; improbabile che un giornalista non controlli la fonte di una notizia, potrebbe accadere piuttosto, che sia proprio il giornalista a creare la notizia fake … Immaginate di assistere insieme ad altre persone a una scena di un film e leggerne la recensione con un senso totalmente diverso da quanto rappresentato; di partecipare ad una riunione politica insieme a delle persone ben conosciute ed essere invece volutamente affiancati a persone “discutibili”, oppure di apprendere dal social di essere stati in un posto e avere fatto una determinata cosa … o attribuendo alla stessa un significato scorretto

Raccontare bugie è uno sport nazionale

Il cattivo gusto di raccontare frottole è da sempre piuttosto diffuso. Purtroppo, in molti hanno capito che, al di la della semplice menzogna riconducibile alla chiacchiera da pianerottolo, alcune informazioni ben pilotate attraverso i mass media, avrebbero potuto produrre importanti tornaconti utilizzabili in ambito sociale e politico. Screditare un personaggio pubblico e manipolare la verità, sono diventate operazioni complesse poiché destinate ad essere credibili, per questo motivo, è facilmente ipotizzabile che dietro la “Macchina del Fango” ci siano dei veri e propri professionisti.

Una bugia fa in tempo a compiere mezzo giro del mondo prima che la verità riesca a mettersi i pantaloni.” Sir. Winston Churchill

La Macchina del Fango

Secondo l’indagine “news vs fake nel sistema dell’informazione” (leggi qui...) stilata dall’Osservatorio dell’AgCom, il 57% dell’informazione non attendibile si sviluppa attorno ai temi su cui è incentrato il dibattito tra i partiti. Allarme per la carenza di giornalismo e mancanza d’informazione di qualità, dovuta a sua volta alla scarsità d’investimenti in risorse e strumenti e soprattutto di tempo da dedicare alla verifica delle notizie, è alla base del dilagare delle fake news che in Italia riguardano argomenti di politica e cronaca nel 57% dei casi, mentre circa il 20% ha a che fare con tematiche di carattere scientifico.

Il rapporto è frutto dell’analisi di 35 milioni di documenti generati in Italia, in più due anni, da 1.800 fonti informative (canali televisivi e radiofonici, quotidiani, siti web di testate cartacee, testate esclusivamente online e pagine social affiliate) e fonti di disinformazione (siti web e pagine/account social) individuate come tali da soggetti esterni specializzati in attività di debunking, (La pratica di mettere in dubbio o smentire - basandosi su metodologie scientifiche - affermazioni false, esagerate, antiscientifiche è l'attività di un debunker.) oltre che su un sondaggio somministrato a 14 mila consumatori italiani.

I contenuti fake più diffusi nel 2018, nell’arco temporale che va dal primo gennaio al 31 agosto vedono in testa, come detto, con il 57%, quelli relativi a hard news (notizie di cronaca, politica e fatti di rilevanza internazionale), seguiti da quelli dedicati a scienza e tecnologia (19%), cultura e spettacolo (16%), economia (6%) e sport (1%). Il picco di fake news è stato registrato durante le elezioni del 4 marzo 2018. Non a caso Facebook avrebbe già preso contromisure per la sfida elettorale del 2019, quella delle Europee.

Nel complesso, il sistema nazionale soffre la presenza di un volume di contenuti falsi mediamente più alto rispetto al passato. Le notizie vere sembrano almeno dimorare più a lungo nei vari ecosistemi informativi: un contenuto autentico circola per circa trenta giorni contro i sei giorni di una fake news, che resistono più facilmente, in media otto giorni, se riguardano il mondo della cultura e dello spettacolo e scienza e tecnologia.

"La verità trionfa da sola, la menzogna ha sempre bisogno di complici.”

Il Funzionamento delle Fake News

Esistono vari livelli di fake news, dalla manipolazione dell’informazione alla creazione di una notizia. In molti casi, individuato il fatto realmente accaduto o “verosimilmente accaduto”, si stabilisce la dose di emotività esercitato dallo stesso. Il giornalista potrebbe condizionare la frizione emotiva del lettore utilizzando alcune espressioni improprie contro una persona piuttosto che un partito politico a danno del “popolo indifeso”. Sfruttando dei sentimenti predeterminati di insoddisfazione e riportando solo gli elementi funzionali si riesce facilmente a condizionare la sensibilità del lettore.

La Diffusione del Fenomeno

E' vero che le notizie falsificate, a fini commerciali o politici, sono sempre esistite. Non è corretto, però, fare confronti con il passato. Giornali, radio e televisione non hanno la stessa dinamica dei social network. Attraverso Internet, chiunque può contribuire a diffondere notizie fake. 

“Il vero castigo per chi mente non è di non essere più creduto, ma di non potere credere a nessuno.”

Qualche esempio di Fake News

Il 5g provoca il Cancro

La scienza ufficiale si è espressa attraverso l'Istituto Superiore della sanità (Iss). Quest’ultimo, in un’audizione alla Camera ha chiarito che gli impianti 5G, per le loro caratteristiche, comportano meno pericoli per la salute rispetto alle attuali tecnologie. Tra le numerose relazioni sull’argomento, vale la pena segnalare quelle dell’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), del Centro Radioelettrico la protezione dalle radiazioni non ionizzanti, Icnirp (organismo non governativo e formalmente riconosciuto dall'Organizzazione Mondiale della Sanità) e, appunto, dell’Istituto superiore della sanità”

I Vaccini fanno male

Nel caso in cui si fermassero i programmi vaccinali, le malattie prevenibili con i vaccini tornerebbero. Se le persone non si vaccinassero, in breve tempo comparirebbero di nuovo malattie diventate poco frequenti, come la poliomielite e il morbillo. I vaccini in uso sono molto sicuri. La maggior parte delle reazioni avverse alle vaccinazioni, per esempio un braccio dolorante o un modesto rialzo febbrile, è in genere lieve e transitoria. Gli eventi gravi sono molto rari e sono attentamente controllati e valutati. È molto più probabile che la salute venga gravemente compromessa da una malattia prevenibile da vaccinazione che dalla vaccinazione stessa.

Le Scie chimiche lasciate dagli Aerei

Le scie chimiche in cielo sono tracce lasciate dall'aeronautica per controllare il clima. Una bufala alla quale in molti continuano a credere.

Guarita dal Tumore al Cervello con la dieta Vegetariana

Una Fake che aveva fatto guadagnare alla blogger australiana Belle Gibson circa 500mila dollari, anche grazie alla vendita del suo libro The Whole Pantry e a un'app. La 27enne, che era anche perfettamente sana, è stata condannata dalla corte di giustizia dello stato di Victoria che le ha comminato una multa di 410 mila dollari.

Terremoto di Amatrice

Quattro giorni dopo il terremoto dell'agosto 2016. Il Governo abbassa la magnitudo per non pagare i risarcimenti. Una delle false notizie girate intorno al drammatico tema dei terremoti in Italia.

Mammografia e Cancro

Fake News: le radiazioni assorbite dalla tiroide durante la mammografia provocano il cancro a questa ghiandola. La notizia, falsa, ha fatto il giro del web.

Armi Americane all’Isis 

La notizia secondo la quale Hillary Clinton ha venduto armi all'Isis è stata una delle bufale più gettonate durante l'ultima campagna per le presidenziali Usa. Dietro la Fake News c’è un sistema che parte dalla raccolta e analisi scientifica dei nostri comportamenti in Rete e costruisce delle strategie per influenzare su larga scala le nostre scelte, inviandoci notizie e messaggi mirati. Queste tecniche sono state utilizzate durante campagne elettorali che hanno deciso la vittoria o la sconfitta di presidenti, partiti politici o referendum. L’uso delle fake news può minare le basi della nostra convivenza civile. Con una diffusione strategica di fake news, neppure troppo complicata e costosa da realizzare, si può distruggere in poco tempo la fiducia nelle istituzioni di uno Stato e far piombare una popolazione nella confusione più totale. E possono indebolire rapidamente la tenuta sociale di un intero Paese.

Le Fake News e l’analfabetismo Funzionale

Il 70 per cento degli italiani è analfabeta (legge, guarda, ascolta, ma non capisce) Questo vuol dire che tra la gente che abbiamo attorno a noi, al caffè, negli uffici, nella metropolitana, nel bar, nel negozio sotto casa, più di 3 di loro su 4 sono analfabeti: sembrano “normali” anch'essi, discutono con noi, fanno il loro lavoro, parlano di politica e di sport, sbrigano le loro faccende senza apparenti difficoltà, non li distinguiamo con alcuna evidenza da quell’unico di loro che non è analfabeta, e però sono “diversi”. Quel è questa loro diversità? Che sono incapaci di ricostruire ciò che hanno appena ascoltato, o letto, o guardato in tv e sul computer, non è che la scuola renda intelligenti, però fornisce strumenti sempre più raffinati – quanto più avanti si vada nello studio - per realizzare pienamente le proprie qualità individuali. Un dato impressionante ce l'ha fatto conoscere ieri l'Istat: il 18,6 per cento degli italiani – cioè quasi uno su 5 – lo scorso anno non ha mai aperto un libro o un giornale, non è mai andato al cinema o al teatro o a un concerto, e neppure allo stadio, o a ballare.

La Mamma dei Cretini è sempre Incinta

L’ignoranza può avere vari significati interpretativi, ad esempio la non conoscenza di un problema o di una determinata materia; può anche essere una colpa per chi non intende o si rifiuta di capire le questioni della vita, quelle materiali e immateriali. E’ Ignorante chi non percepisce la demarcazione tra bene e male, giusto e sbagliato, capire cosa sta accadendo e, se possibile, poter scegliere; è ignorante chi non cambia idea dopo aver elaborato un concetto; l’intollerante, il classista. il delinquente … ma anche chi non sa fare 2+2, perché essere ignoranti è una colpa.

Non sono infastidito dal fatto che tu mi abbia mentito, sono infastidito perché d’ora in poi non posso più crederti. (Friedrich Nietzsche)

Fake anche le email

Ogni giorno riceviamo centinaia di email, molte sono pubblicitarie, alcune sono email di phishing e, le poche che restano, sono quelle che ci interessano sul serio. Il grande problema è distinguere le mail di phishing da quelle reali. Il phishing tende a carpire i dati di accesso e le password delle carte di credito e login privati perpetrando una truffa bella e buona.

L’unica difesa è la curiosità

Le Fake News sono confezionate da esperti e spesso traggono in inganno anche persone preparate, sono apparentemente logiche e hanno lo scopo è proprio rendere difficile o impossibile riconoscere il vero dal falso.

Facebook prova a controllare le Fake News

Cosa succede (ma sarebbe meglio dire: può succedere, dato che la funzionalità è ancora in fase di beta testing e si presenta solo ad alcuni), dopo aver postato una fake news su Facebook? Diversi utenti americani hanno provato a condividere un articolo di un blog che commemora l’inesistente tratta degli schiavi irlandesi, una deportazione di massa che il blog dà per attiva tra l’isola e gli Stati Uniti nel Diciassettesimo secolo. Accanto all’anteprima del post, un’icona rossa segnalava che si trattava di un contenuto «contestato da Associated Press e Snopes.com», due media company che si occupano di debunking. Cliccando sul messaggio, gli utenti americani ottenevano maggiori informazioni sulla nuova funzione, unite a un messaggio che recitava: «A volte le persone condividono fake news senza saperlo. Ci sono ancora troppi profili finti che ripetono notizie falsificate, gruppi che servono da casse di risonanza, opacità sui committenti delle inserzioni a pagamento. Per lo Stato, infine, la sicurezza della Rete è ormai un elemento strategico di difesa, un fatto militare. A fianco delle armate tradizionali per la difesa di terra, mare e aria, molti Paesi, come la Germania, stanno creando una quarta armata per la tutela del cyberspazio, formata da esperti militari di informatica. Una Rete sicura non è più solo una questione tecnica o commerciale, è un tassello della sicurezza nazionale. Questi tre piani, ossia il comportamento individuale, le grandi società Internet e lo Stato, devono interagire costantemente. 

Progetto Fake News 

Abbiamo imparato insieme a difenderci dalla Fake news, dai profili di personaggi “Fake” e da attacchi virtuali informatici ad esempio inserendo su Google Immagini le foto del nostro interlocutore, utilizzando coscienziosamente la rete per ricercare una informazione o una persona. Sappiamo adesso riconoscere una notizia Fake consultando le “fonti” più autorevoli e comparando le informazioni tra più siti.

La Politica in classe 

Se la scuola è un laboratorio permanente di cittadinanza, è legittimo tirarci indietro quando gli studenti, ci domandano cosa sia la politica? Possiamo davvero continuare a non portare la politica nelle nostre aule? Non è dovere primario informarsi su ciò che succede nei palazzi del potere e porgerlo filtrato dal buon senso di Professionisti della Comunicazione, anche alle orecchie dei più giovani? Che cos’è la democrazia se non riconoscere a chiunque il "diritto di avere diritti" o rispettare l’idea dell’altro pur non condividendola. Riflettere e far riflettere sul fatto che la democrazia è un bene primario e da difendere con le armi della ragione e dell’informazione …  Il Dibattito sulle idee, sulle proposte e sulle notizie. Come nasce una legge e perché. Qual è l’iter procedurale e che differenza c’è tra decreto legge e legge; a cosa serve una commissione?       

Discussioni 

  • A cosa e a chi servono le Fake News.
  • Come nasce una notizia e come ci si può fidare.
  • Come affrontare l’analfabetismo funzionale.
  • Che cos’è il giornalismo e la sua evoluzione sino ad oggi.
  • I social media fra pericoli e opportunità.
  • Come riconoscere e sconfiggere una “Fake” mail, news, pop up.

Obiettivo del Corso

La vita sociale e ciò che ruota attorno ad essa, la politica e ciò che concerne le attività dello Stato, di qualsiasi bandiera o colore politico esso sia, vanno tutelate in maniera certosina. L’informazione corretta sulla vita politica di un paese è cardine necessario per lo sviluppo e la crescita dello stesso. Riconoscere una bugia dalla verità serve ad essere obiettivi e risoluti. Le Notizie Politiche, prima ancora di quelle Partitiche non attribuiscono “giudizi” alle dichiarazioni del politico, né bollano questo o quello come un mentitore. Forniscono, piuttosto, al lettore il contesto che esiste intorno a quell’affermazione, in modo che possa farsi un’idea. Obiettivo del corso è stata quella di stimolare la capacità di ragionamento e le tecniche per raggiungere la fonte delle notizie.

 

 

BLOG DI EDOARDO MARUCA

Mail: edoardomaruca@libero.it
PEC: edoardomaruca@pecgiornalisti.it
Telefono: (+39) 346 2373945
Partita Iva: 03547390785


L'autore del sito non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo

© Copyright - 2024 - Tutti i diritti riservati






Utenti connessi

SUONATE PIANO a.p.s
Maruca & Partners
Codice Fiscale: 98133260780

 

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.